Il Museo Rodin

Museo affascinante che ospita una grande parte di opere di Auguste Rodin e Camille Claudel. Resterete soggiogati al fascino del suo giardino.

X
Book your stay
1 Adulto
0-11 anni
0-3 anni
Nessun costo per bambini inferiori a 12 anni
Contatti la nostra reception
per qualsiasi informazione
+33 (0)1 47 05 85 54 Costo delle chiamate locali
Le Musée Rodin à Paris - Hotel d'Orsay Paris

Il museo Rodin aperto nel 1919, ospita gran parte delle opere di Auguste Rodin e di Camille Claudel, la quale occupa uno spazio importante nella vita di Rodin, sia dal punto di vista artistico che sentimentale. In origine il museo è un hotel speciale, noto con il nome di hotel Biron, la costruzione della cui rue de Varenne termina nel 1732.

La storia del Museo Rodin

A partire dal 1905, l'hotel viene lasciato in stato di abbandono, in attesa di essere venduto. Molti artisti come Cocteau, Matisse, Isadora Duncan o Rilke con la cui intermediazione Rodin scopre il luogo, vi s'insedieranno in modo precario.  A partire dal 1911, Rodin occupa tutto l'hotel e sistema una parte delle sue opere in giardino. Quello stesso anno la proprietà viene venduta allo Stato, ma Rodin rifiuta di lasciare i locali. Propone allo Stato di donare tutte le sue opere e le sue antichità per poter avere la residenza a vita all'Hotel Biron. Nel 1919, l'hotel Biron e il suo giardino, sotto il nome di museo Rodin, vengono destinati interamente all'esposizione delle opere donate da Rodin allo Stato francese.

Un artista inizialmente controverso

Il museo conserva opere di Rodin di una grande diversità, dalle sue sculture, disegni, ai suoi dipinti e fotografie. Decisamente innovativo nella sua scultura, molti critici accuseranno le opere di Rodin di essere false. L'esempio più rappresentativo è quello di L’Age d’airain (l'Età del bronzo). I suoi contorni erano così perfetti che si accusava Rodin di aver eseguito i calchi direttamente sul modello. La sua autenticità fu infine riconosciuta e all'età di 45 anni l'artista aveva acquistato fama internazionale.

Oltre alle sculture presentate all'hotel, molte statue costellano il parco, abbellito da un magnifico roseto. Tra le opere che occupano oggi il giardino: Les Bourgeois de CalaisLa Porte de l'Enfer, o ancora Le Penseur. Questo utilizzo di spazi naturali come scrigno per la scultura si riallaccia alle pratiche del maestro, che a partire dal 1908, aveva fatto installare in questo giardino selvaggio alcune delle sue opere, ma anche antichità appartenenti alla sua collezione. In occasione della risistemazione del giardino nel 1993, furono realizzati dei percorsi tematici: il "Jardin d'Orphée" in cui vegetazione e pietre s'intrecciano nel punto in cui si scopre Orfeo che implora gli dei e il "Jardin des Sources", costituito da sentieri e pozze d'acqua. All'ingresso del giardino, sono visibili delle statue di marmo sistemate nella bella galleria dei marmi, dopo le grandi porte vetrate.

Scelti per voi dal team

La Grande Epicerie de Paris
"Questa raffinata épicerie propone una selezione di vivande da tutto il mondo dalla diversità e qualità eccezionali. L'arredamento celebra i mosaici di Mathilde Jonquière."
38 rue de Sèvres - 75007 Paris
Da lunedì a sabato ore 8:30 - 21.
Visitate il sito web
La Bonne Excuse
"Atmosfera conviviale in questa cantina moderna con arredamento puro che propone menù della cucina francese. Meritano una citazione speciale i dessert particolarmente apprezzati dai nostri clienti."
48 rue de verneuil - 75007 Paris
Da lunedì a sabato. Servizio pranzo e cena.